Il nostro sito utilizza cookies per migliorare il funzionamento , per la statistica degli accessi e per la pubblicità di google Adsense. Cliccando sul pulsante "Accetto", o su qualsiasi altra area del sito dichiari di aver capito il messaggio di allerta e di accettare l'utilizzo dei cookies del nostro sito.

Il Portale dedicato alle verifiche secondo il Dpr 462

L'Organismo Ispettivo

Con l'entrata in vigore del DPR 462 viene creata una nuova figura nell'ambito delle verifiche degli impianti di terra che è quello dell' Organismo ispettivo privato.

L'Organismo Ispettivo deve aver ottenuto un'abilitazione Ministeriale dal MiSE (Ministero dello Sviluppo Economico) per poter esercitare nell'ambito delle verifiche del DPR 462.

La costituzione dell'Organismo e la sua gestione è molto impegnativa dal punto di vista organizzativo e economico.

In Italia attualmente ci sono circa 230 Organismi, quindi un numero non molto elevato. 

L'Organismo Ispettivo deve seguire determinate normative europee quali la CEI UNI En 17020 e le disposizioni emanate dal MiSE.

Questo implica che l'Organismo ispettivo ha una gestione e un'organizzazione di prim'ordine, e una professionalità che elettricisti, responsabili della sicurezza, organizzazioni di categoria non possono avere nell'ambito delle verifiche.

E' quindi importante seguire quello che gli Organismi ispettivi vi dicono e cercare di mettersi in regola con gli obblighi di legge.

Molti organismi hanno anche reti di vendita estese che vanno a proporre i propri servizi. Gli agenti di vendita si presentano esibendo un tesserino dell'Organismo . Nella presentazione sono obbligati a specificare di essere di un Organismo Ispettivo di tipo "A" abilitato dal Ministero dello Sviluppo Economico. Rendono poi edotto il cliente sul DPR 462 e sugli obblighi. Devono sottolineare che chi non esegue le verifiche di legge del DPR 462 sta commettendo un reato punibile penalmente e amministratavamente. Infine devono far firmare al cliente un contratto per l'esecuzione della verifica, ovviamente se il cliente si è convinto dell'opportunità di eseguire la verifica o meno. A differenza di enti quali ASL e ARPA non hanno un potere sanzionatorio. Non possono emettere multe, non possono obbligare il cliente ad esibire la documentazione che attesti la già avvenuta verifica, e non possono farsi pagare prima di aver effettuato la verifica.

Molte volte, un cliente un po' impressionabile ha il timore che l'agente di commercio dell'Organismo sia un Ispettore del Ministero, o preso un po' dall'ansia incominci a mischiare un po' tutte le informazioni ricevute, pensando che se non effettuano la verifica con tale Organismo verranno sanzionati amministrativamente.

Niente di tutto questo. Il cliente deve sempre stare sereno, non ha nulla da temere della visita di un Agente di Commercio di un Organismo abilitato, anzi dovrebbe essere felice di aver acquisito nozioni che fino a quel momento non aveva avuto. Se poi si ha la coscienza a posto perchè entrare nel panico?

Il costo di gestione di un Organismo Ispettivo è molto elevato per i motivi esposti precedentemente, e quindi è ovvio che le verifiche non possano essere gratuite. Tutti gli Organismi sono obbligati dal MiSE a redigere un listino e consegnarlo al Ministero. Ovviamente Organismi che si avvalgono di rete esterne per la vendita del servizio avranno costi maggiori di chi aspetta che sia il cliente direttamente  a contattarlo, e conseguentemente costi maggiori. Il cliente è quindi libero di farsi fare più offerte da vari Organismi e poi scegliere.

Al momento della verifica, il verificatore dell'Organismo Abilitato è a tutti gli effetti un pubblico ufficiale, quindi in caso di mancanze dell'impianto di terra che precludano la sicurezza del personale lavoratore sono obbligati a redigere un verbale negativo e in alcuni casi informare enti quali ASL e Arpa per intervenire ad emettere prescrizioni.

Il cliente deve rendersi conto che l'Organismo Ispettivo non è un elettricista, ma un organismo che ha un mandato dallo stato per far rispettare un obbligo di legge. Ha a tutti gli effetti l'importanza di enti quali ASL e Arpa. In teoria sarebbe tenuto ad informare ASL e Arpa se venisse a conoscienza che una determinata attività lavorativa non è in possesso del verbale di verifica dell'impianto di terra, cosa che purtroppo non succede mai.